Zielinski vuole restare al Napoli: si lavora al rinnovo, Inter alla finestra

Il Napoli sta lavorando duramente per trattenere Piotr Zielinski, con la sua volontà di restare evidente nonostante l’interesse di club come l’Inter, la Juventus e alcune squadre di Premier League. Il Corriere dello Sport ha riportato che il polacco ha rifiutato l’offerta dell’Al-Ahli e sembra intenzionato a rimanere a Napoli, dove si è legato profondamente, anche sentimentalmente, insieme alla moglie Laura.

PUBBLICITA

Il contratto di Zielinski scade nel giugno del 2024 e mentre le trattative per il prolungamento del contratto sono in corso da tempo, vi sono ancora questioni da risolvere, in particolare riguardo alle commissioni. Inoltre, Zielinski si sta preparando per sfidare l’Inter in un prossimo match, dopo aver recuperato da un infortunio.

Questa situazione ha sollevato diverse questioni sul futuro del giocatore, in un delicato equilibrio tra l’attrazione di altri club e l’attaccamento personale e professionale che Zielinski prova per Napoli. Resta da vedere come si evolveranno le trattative e se il Napoli riuscirà a trattenere il talentuoso centrocampista.


Le Notizie del giorno

Ultima Partita

Prossima Partita

Classifica

Leggi anche

Taccola: “Napoli molto timido, il pareggio una manna dal cielo. Servirà di più al ritorno”

A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Mirko Taccola, allenatore ed ex calciatore di Inter e Napoli: "Se il Napoli meritasse qualcosa in più contro il Barcellona? Ieri ho notato una squadra, almeno nei primi minuti, molto timida. Il pareggio, quindi, rappresenta quasi una manna dal cielo, che pone il Napoli nelle condizioni di poter competere, sebbene al ritorno sarà necessario un contributo...

Trotta: “Kvara? Reazione discutibile in un momento delicato. Non può permettersi questi atteggiamenti”

Ivano Trotta, allenatore ed ex calciatore del Napoli, ha parlato del momento degli azzurri a 1 Station Radio: "Napoli-Barcellona? Come era prevedibile, il nuovo allenatore non ha avuto un impatto immediato. Queste partite, a mio parere, si preparano quasi automaticamente. Il Napoli ha affrontato un Barcellona meno competitivo degli anni passati, e il rischio evidenziato nella prima mezz'ora è stato motivo di preoccupazione". "Ho notato errori piuttosto evidenti, e il presidente, pur assumendosi le...