BAGNI: “Napoli senza cattiveria, venuti meno ancora nel momento topico”

Salvatore Bagni, ex giocatore del Napoli e dirigente, è intervenuto oggi a Radio Marte, nel corso della trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma, per discutere del ko degli azzurri contro la Fiorentina e di corsa Scudetto.

“Ieri allo stadio si era creata l’atmosfera giusta per vincere, ma ancora una volta siamo venuti a mancare nel momento topico – dice -. Potevamo approfittare di un altro passo falso del Milan ma è andata così, adesso andiamo avanti, forse con meno fiducia di quanta c’era ieri prima della partita”.

“La Fiorentina pressava molto, noi abbiamo cercato di sfruttare l’1 contro 1 con Osimhen ma è andata male. Loro in possesso di palla poi ci hanno fatto girare a vuoto, sanno giocare bene a calcio – prosegue -. Le parole di Koulibaly nello spogliatoio? Forse ha avuto il sentore che qualcuno non ci credesse. Ovvio che non è finita, ma se non ci credevi ieri quando ci vuoi credere?”.

“Troppo spesso non abbiamo la cattiveria e la personalità per mangiarci l’avversario – insiste Bagni -. Ieri sembrava fosse la Fiorentina in lotta per lo Scudetto. Oltre alla tecnica e alla tattica ci vuole qualcosa in più per vincere. Non è che possiamo sperare che se andiamo in vantaggio poi diventa tutto bello, oppure che se prendiamo gol o restiamo 0-0 ci si fa friggere la testa”.

“L’Inter con il Verona è entrata bene in campo e ha voluto vincere la partita, ha vinto tutti i duelli e l’ha gestita. Sembra che abbiano ripreso una grande condizione fisica e adesso siamo in svantaggio – spiega l’ex calciatore -. De Laurentiis? L’ho visto ma sono andato via prima, non ho visto neanche il gol di Osimhen. Vedere che sull’1-3 tante persone abbandonavano lo stadio fa tristezza. In macchina ho sentito il gol del 2-3 e ci ho sperato”.

Mertens? Tra 10 anni continuerà a fare gol su quella stessa palla ricevuta. Gli bastano 10′, qualsiasi squadra lo vorrebbe. E’ come Altafini, lui entra e fa gol, ma non può reggere 90′ a grande continuità – conclude -. Zielinski? Non cerca mai la palla con cattiveria. La differenza non si fa solo con la qualità tecnica, con il tiro, con l’assist, serve continuità all’interno della prestazione”.

Rispondi

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato sulle ultime notizie di calcio e sport

LE ALTRE NEWS