FABIAN RUIZ: “NAPOLI città che merita lo SCUDETTO. Tornare in SPAGNA? In futuro”

Fabian Ruiz è uno dei protagonisti assoluti del Napoli di Spalletti, che quest’anno è tornato a sognare in grande. Il centrocampista 25enne ha rilasciato oggi un’intervista al sito del quotidiano AS in vista del suo ritorno in Spagna per la sfida contro il Barcellona.

“Contro i blaugrana sarà una partita nel segno di Maradona. Per i napoletani è un dio e vogliamo rendere omaggio alla squadra che l’ha portato per prima in Europa – ha detto parlando dell’avversario -. Non nascondo che poi vogliamo vendicare la sconfitta di due anni fa in Champions. Giocheremo contro un grande club ma penso che partiremo alla pari: spero che questa volta il risultato sia diverso”.

“Quest’anno siamo nella lotta, abbiamo superato tante difficoltà tra Covid e infortuni – rivela Fabian -. Scudetto? Sappiamo che è dura, ma vogliamo giocarcela fino in fondo. Ho vinto un titolo a Napoli, la Coppa Italia nel 2020, ma non l’abbiamo festeggiato con i tifosi e questo ci ha lasciato l’amaro in bocca. Loro se lo meritano, ci supportano allo stadio e anche per strada, ovunque: non oso nemmeno immaginare cosa accadrebbe in città se realizzassimo il sogno”.

Cosa mi piace di più di Napoli? E’ difficile trovare qualcosa che non mi piaccia, è una città che ha tutto – ha aggiunto -. Il mare, posti bellissimi, c’è un bel clima e si mangia bene. Tutti quelli che vengono a giocare qui ne sono molto felici”.

Spalletti? Mi trovo benissimo nel suo sistema di gioco, avere accanto uno tra Lobotka e Anguissa mi dà più libertà – ha detto -. E’ un allenatore speciale, ossessionato dal calcio. Ha un rapporto stretto con i giocatori, gli piace scherzare e guidare il gruppo: siamo tutti contenti di lui e penso che questo sia evidente visti i risultati sul campo”.

Koulibaly? Un leader ma anche un pezzo di pane, aiuta sempre chi ne ha bisogno. Siamo molto contenti del suo trionfo in Coppa d’Africa – racconta il centrocampista -. Mertens? Uno di quelli che mi ha aiutato principalmente nell’adattamento, ora è un amico di famiglia”.

“L’addio di Insigne? Siamo dispiaciuti, Lorenzo ha passato tutta la vita qui. Ma fa parte del calcio: gli auguriamo felicità nella sua nuova esperienza. Futuro in Spagna? L’interesse dei top club mi lusinga, è chiaro. Ma sono concentrato sul Napoli, abbiamo grandi sfide davanti a noi. L’idea di tornare in patria in futuro però è sempre lì, è pur sempre casa mia”, ha concluso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ULTIME NOTIZIE

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato sulle ultime notizie di calcio e sport

TI POTREBBE INTERESSARE