Le PAGELLE del NAPOLI: un super OSIMHEN stende il VERONA

Il Napoli batte 2-1 il Verona e resta attaccato al treno Scudetto. Decisivo un super Osimhen, autore della doppietta decisiva su assist di Politano prima e Di Lorenzo poi. Queste le pagelle degli azzurri.

Ospina: 6. Attento, coraggioso a inizio ripresa a gettarsi nella mischia in un’azione confusa. Non può nulla sul gol di Faraoni che riapre la gara.

Di Lorenzo: 7. Partita di sacrificio in avvio per contenere gli esterni avversari. Poi cresce anche offensivamente e sfrutta la disattenzione di Ceccherini per servire Osimhen in occasione del raddoppio.

Rrahmani: 7. Simeone è un cliente scomodo ma lui lo annulla quasi completamente: l’attaccante chiude infatti con un solo tiro (e non in porta), mentre il kosovaro vince tutti i contrasti. Numeri che parlano di una prestazione ottima.

Koulibaly: 7. Insieme al compagno di reparto chiude gli spazi agli attaccanti veronesi con interventi anche duri ma puntuali. Si spinge spesso anche verso il centrocampo tentando la giocata in avanti.

Mario Rui: 6. Partita di sacrificio: difende quando serve, si fa vedere anche in avanti colpendo la traversa nel finale. Poteva fare meglio sul gol di Faraoni, dove si fa sorprendere alle spalle.

Lobotka: 6,5. Messo spesso sotto pressione dagli avversari, tiene bene il campo facendo girare in continuazione il pallone. Chiude anche oggi con una precisione quasi massima nei passaggi (97,6%).

Anguissa: 6,5. Tanti contrasti a centrocampo, quasi tutti vinti. Osa anche spesso il dribbling, anche se in certe situazioni sembra poco lucido.

Fabian Ruiz: 6,5. Riscatta la brutta prestazione contro il Milan. Gli manca solo il gol, che sfiora più volte nel primo tempo (dal 90′ Zielinski: sv).

Politano: 7. Bravo a sfruttare gli spazi lasciati dalla difesa avversaria: è così che nasce il gol del vantaggio firmato Osimhen, che lui serve con un cross preciso (dal 63′ Elmas: 6. Sbaglia poco e sfiora il gol nel finale).

Osimhen: 8. Doppietta da attaccante vero: il primo gol di testa (ancora una volta), il secondo da rapace d’area a porta sguarnita. Può l’essere l’uomo chiave nella rincorsa finale degli azzurri (dal 90′ Petagna: sv – dal 95′ Ghoulam: sv).

Lozano: 6. Troppo poco coinvolto nella manovra, i pochi palloni che tocca li gioca comunque bene e senza errori. Ma deve fare di più (dal 63′ Insigne: 6. Si impegna e prova a insidiare la difesa senza creare però particolari pericoli).

Rispondi

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato sulle ultime notizie di calcio e sport

LE ALTRE NEWS