giovedì, Giugno 20, 2024

Rossettini: “Ecco l’episodio brusco che vissi con Conte”

Luca Rossettini Ricorda la sua Esperienza con Antonio Conte ai Tempi del Siena

Luca Rossettini, ex calciatore del Siena sotto la guida di Antonio Conte, ha condiviso la sua esperienza ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli, rivelando dettagli importanti sull’impatto di Conte nella sua carriera. Rossettini ha addirittura rifiutato un’offerta da un club della Liga per lavorare con Conte, dimostrando quanto fosse determinato a seguire il suo metodo di allenamento rigoroso.

La Formazione e la Determinazione di Conte

Rossettini ha parlato del periodo duro sotto la guida di Conte, sottolineando quanto sia stato cruciale per il suo sviluppo professionale. "Lavorare con Conte è stato decisivo per la mia carriera, venivo da un anno di inattività per un infortunio al ginocchio. La preparazione del mister a Siena è stata una delle cose più dure che abbia mai affrontato in vita mia. Ho cercato di fare tutto per lui ed adeguarmi ai suoi enormi carichi di lavoro, ci sono stati anche momenti difficili, però alla fine devo dire che stare con lui è la dimostrazione che il lavoro paga", ha dichiarato Rossettini.

Secondo Rossettini, Conte è stato un vero condottiero e la carriera di successo che ha seguito non lo ha sorpreso affatto. Nonostante le difficoltà, la dedizione di Conte e il suo approccio intenso all’allenamento hanno pagato i dividendi. "Conte è stato un condottiero e non mi ha stupito la carriera che ha fatto come allenatore. Certo con lui non sono state solo rose e fiori," ha aggiunto.

L’approccio di Conte alla Vittoria

Parlando dello spirito competitivo di Conte, Rossettini ha detto: "Vive per la vittoria e per eccellere, inoltre è un tecnico che si è evoluto, è sempre aggiornato dal punto di vista tattico. Lui accetta sempre piazze che hanno bisogno di lui e di rilanciarsi. Conte vive per vincere, dopo un pareggio non era mai soddisfatto."

Luca Rossettini ha messo in evidenza come Conte abbia spinto i suoi giocatori a superare i propri limiti, instillando una mentalità vincente nella squadra. "Con lui vai oltre i tuoi limiti, questo crea mentalità. A quel Siena a marzo volava, una volta assorbiti i carichi vincemmo il campionato in scioltezza. Con lui fui anche convocato in Nazionale, ma non riuscii ad esordire”, ha concluso Rossettini.

La testimonianza di Rossettini offre uno sguardo significativo sull’influenza di Antonio Conte come allenatore, mostrando come il suo approccio e la sua filosofia di allenamento possano trasformare la carriera dei giocatori e migliorare le prestazioni della squadra.

Per approfondire l’argomento sulla fonte originale


Leggi anche