Simeone: “Il destino mi ha voluto qui. Vi racconto cos’è Maradona per Napoli”

Giovanni Simeone si racconta a cuore aperto a La Nacion, quotidiano argentino. Il ‘Cholito’ ha parlato della sua esperienza finora a Napoli, della trattativa che lo ha portato a vestire la maglia azzurra e della figura di Diego Armando Maradona a lui cara.

“C’era qualcosa dentro di me che mi diceva che il mio posto era al Napoli – ha raccontato Simeone -. Sentivo di dover venire qui, è stato il destino a volerlo. E’ stata come una chiamata interiore. Anche quando la trattativa si era bloccata, io non mi sono mai smosso e avevo un solo desiderio. I napoletani sono un mix tra italiani e argentini, proprio come me. Non sono mai stato così bene”.

Maradona? E’ stupendo qui perché tutti ti parlano di Diego – prosegue -. Tommy (Tommaso Starace, magazziniere, ndr) mi ha promesso che una sera a cena mi racconterà tanti aneddoti di quello che ha vissuto con lui. I napoletani parlano di Diego con passione, lo ricordano sempre. Questo popolo soffre ancora della differenza tra nord e sud ed è stato Diego a ridare loro gioia, visibilità e senso di appartenenza. Averlo avuto tra loro è un grande orgoglio, li ha convinti di poter combattere contro tutti. Ha lasciato un segno per sempre. Maradona e l’Argentina fanno parte di questa città”.

“Mio papà non mi ha raccontato storie in particolare di Maradona, ma ha sempre detto che era una persona che interveniva sempre a difesa dei compagni – prosegue -. Quando sono arrivato a Napoli mi ha mandato un messaggio dicendo come io stessi realizzando il sogno di tanti argentini, che un giorno sognavano di poter giocare nello stadio dove ha giocato Maradona”.

“Stiamo puntando in alto e non c’è niente di più stimolante – aggiunge parlando della stagione in corso -. Giocare ogni tre-quattro giorni dà una scarica di adrenalina diversa. Ora penso a migliorarmi continuamente. Ho lottato tanto per arrivare in una grande e ora è il momento di confrontarsi con i migliori”.

“Il gol contro il Liverpool? In quel momento non riuscivo a pensare a nulla, mi sono lasciato trasportare. Avevo sognato quel momento tante volte e adesso stava accadendo, così ho lasciato che tutto scorresse”, ha concluso.

  MARADONA: il suo ex ct BILARDO, malato, scopre della morte in tv

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

ULTIME NOTIZIE

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato sulle ultime notizie di calcio e sport

TI POTREBBE INTERESSARE