domenica, Luglio 14, 2024

SPALLETTI: “Insigne? Manca già. Vinto tre gare difficilissime, ma non interessa a nessuno…”

PUBBLICITA

Luciano Spalletti, allenatore del Napoli, è intervenuto ai microfoni di DAZN dopo il successo interno contro il Genoa, penultima gara di campionato.

“MALE IN AVVIO, POI SIAMO USCITI”
“C’era una bella aria, anche tutti i compagni volevano rendere onore a questa festa di Insigne – ha raccontato -. Nei primi 20 minuti eravamo un po’ frenati, loro lì sono stati molto bravi e non ci hanno fatto uscire dalla metà campo. Poi con la qualità nello stretto abbiamo risalito il campo e creato qualche azione”.

“INSIGNE? GIOCATORE CHE RIMPIANGI SUBITO”
Insigne? Con professionisti esemplari come lui ti puoi anche arrabbiare, ma alla fine quando non ce li hai li rimpiangi subito – spiega -. Sono calciatori che dal nulla ti creano la soluzione, è un prestigiatore del calcio alla Totti o Del Piero. Tutti gli allenatori vorrebbero avere uno come lui per vincere le partite. Ha fatto una scelta che va accettata, ora bisogna andare a trovare la stessa qualità e le stesse caratteristiche di questi giocatori”.

“NESSUNO HA DATO MERITI AI RAGAZZI”
Il tecnico ha poi parlato della stagione trascorsa: “Ci sono ormai otto squadre ad avere il potenziale di inserirsi nella lotta fra le prime quattro. Noi ci siamo ritagliati lo spazio, poi ci dispiace non essere stati in lotta per lo Scudetto fino in fondo. Ma è scorretto cancellare quanto fatto. C’è il rimorso, ma abbiamo fatto un gran campionato. Dopo Empoli abbiamo vinto tre gare difficilissime, ma pare che a nessuno importi. Non è corretto, nessuno ha dato i meriti a questi ragazzi”.

“MERTENS? PENSO RESTERA’…”
Mertens? Oltre alla tecnica è bravissimo a saper fare gol – prosegue -. Darebbe il massimo nel ruolo di punta, come giocava con Sarri. Resterà? Penso di si, il presidente gli ha parlato. La differenza la faranno i soldi, ce ne sono tanti di mezzo e contano per essere stimolati e contenti a rimettersi a disposizione”.



Leggi anche