Costi: “Meret? Il tiro rimbalza male, ma bisognerebbe non far calciare proprio l’avversario da lì…”

A Radio CRC nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Giandomenico Costi, ex dirigente del Napoli ed ex compagno di Ancelotti al Milan e di Mazzarri al Modena: Ancelotti? Al di là di come si sia lasciato col Napoli, il calcio deve essere vissuto in questi termini, la squadra deve affrontare la partita per quello che serve a se stessa”.

PUBBLICITA

“Non so quello che sia successo all’interno dello spogliatoio del Napoli, è complicato comprenderlo, va vissuto quotidianamente. Dopo uno scudetto come quello dell’anno scorso, qualunque allenatore avrebbe avuto qualche difficoltà in più, anche Spalletti. Quello che vedo è che la squadra non è ancora guarita. Nel Napoli dell’anno scorso Anguissa non si fa superare in quel modo da Brahim Diaz”.

“Natan non è Kim. Nel gol del 2-1 se legge meglio la traiettoria, scappa un po’ prima e quella palla può prenderla. Cajuste nel gol del 3-2 si fa superare troppo facilmente a centrocampo. Ci sono situazioni individuali che l’anno scorso erano gestite in maniera diversa. L’anno scorso sia con la palla che senza palla i giocatori vincevano i duelli, quest’anno spesso e volentieri li subiscono”.

Costi: “Meret? Il tiro rimbalza male, ma…”

“A Meret è rimbalzato un tiro male, ma bisognerebbe cominciare a non farsi saltare e non far calciare l’avversario. Mazzarri deve essere bravo a lavorare su queste cose e toccare queste corde con i giocatori. Il Napoli l’anno scorso in certe situazioni si incendiava e i giocatori andavano ad altissima velocità”.

“Appena persa palla andavano almeno per 3/4/5 secondi alla riconquista immediata. Quest’anno mi sembra ancora una squadra con un motore limitatore, non hanno momenti di grande intensità. È una spirale che si è andata un po’ a contagiare nell’ambiente e nei calciatori. Quest’anno i giocatori si sono trasmessi un po’ di sfiducia ed è evidente. Questa così è una squadra normale”.

“Giuntoli ha delle caratteristiche di grande competenza e confronto. Dove non capiva l’allenatore, lui metteva delle pezze. Ha gran carisma. Non c’è solo la tattica.
Adesso purtroppo per il Napoli c’è questo momento complicato, con un limitatore fisico e mentale”.

“L’errore di molti è di non capire il valore dei propri dipendenti. Non posso pensare che il mio successo sia dipeso dallo Spirito Santo. Alla base dei successi del Napoli ci sono le persone che lavorano nelle cose, se non si è capito questo, in generale, è un grande errore”.


Le Notizie del giorno

Ultima Partita

Prossima Partita

Classifica

Leggi anche

Trotta: “Kvara? Reazione discutibile in un momento delicato. Non può permettersi questi atteggiamenti”

Ivano Trotta, allenatore ed ex calciatore del Napoli, ha parlato del momento degli azzurri a 1 Station Radio: "Napoli-Barcellona? Come era prevedibile, il nuovo allenatore non ha avuto un impatto immediato. Queste partite, a mio parere, si preparano quasi automaticamente. Il Napoli ha affrontato un Barcellona meno competitivo degli anni passati, e il rischio evidenziato nella prima mezz'ora è stato motivo di preoccupazione". "Ho notato errori piuttosto evidenti, e il presidente, pur assumendosi le...

Rastelli: “Buon Napoli contro il Barça, ma azzurri sono ancora bloccati psicologicamente”

Massimo Rastelli, ex calciatore del Napoli nonché in passato anche tecnico del Cagliari, è intervenuto ai microfoni di 1 Station Radio per parlare di calcio e del momento degli azzurri dopo il pari contro il Barcellona: “È stata una prestazione positiva, ma ha evidenziato quanto il Napoli sia attualmente bloccato psicologicamente. La squadra sembrava timorosa, commettendo numerosi errori anche nei passaggi più brevi. Il Barcellona, consapevole di queste difficoltà, ha iniziato aggressivo, ma il...