“Nato per giocare”, Bellingham porta il calcio nel futuro

Un giocatore universale, nato per il calcio moderno. Anzi, in grado di portare nel futuro lo sport universale. Jude Bellingham non smette di stupire e battere record, tanto da far impallidire mostri sacri come Cristiano Ronaldo e Alfredo Di Stefano. Numeri, classe, forza e dinamismo targati Jude grande protagonista anche nella vittoria 4-2 del suo Real Madrid contro il Napoli in Champions League.

PUBBLICITA

Con quindici gol (dopo quello segnato di testa ieri su cross prefetto di Alaba ai campioni d’Italia) in appena sedici presenze al suo primo anno con le merengues, il centrocampista della nazionale inglese ha griffato il miglior inizio di sempre tra i big del Real Madrid. A chi gli chiedeva se si sentisse giocatore “nato per il Real” lui ha risposto con naturalezza: “io mi sento un giocatore nato per il calcio”.

Neppure due leggende come CR7 e Di Stefano, che si “fermarono” a 13, né Ferenc Puskás (11), riuscirono a fare tanto. Di questi 15 gol, Bellingham ne ha realizzati 11 nella Liga e 4 in Champions League. A soli 20 anni è diventato anche il primo giocatore a segnare in ciascuna delle sue prime quattro presenze in Champions League con il Real Madrid.

Quando parla di lui il suo allenatore, Carlo Ancelotti, appare estasiato: “È spettacolare nell’entrare nell’area, entra come una moto – ha detto nel dopo partita con il Napoli il tecnico italiano – È sorprendente perché nessuno avrebbe potuto immaginare un adattamento così rapido qui, a questo club e al calcio che sta mostrando. Sorprende i tifosi, i compagni di squadra e persino i rivali”.

Bellingham, nato per il calcio: la sua carriera

Un calciatore capace di coprire praticamente tutti i ruoli con una naturalezza impressionante, dalla difesa all’attacco (il centrocampista, il fantasista a suon di assist, il laterale e il bomber). Forte sia tecnicamente che tatticamente è nato e cresciuto sui paludosi campi di Birmingham e sin da ragazzino ha dimostrato di abbinare testa e talento, due elementi condivisi da chiunque lo abbia conosciuto in giovane età.

Nato a Stourbridge, West Midlands, il 29 giugno del 2003, da padre inglese e madre africana, la passione per il calcio al piccolo Jude viene subito trasmessa dalla figura paterna: Mark Bellingham infatti, di professione poliziotto, giocò per molti anni nelle serie dilettantistiche del Paese come centravanti, realizzando più di 700 gol in carriera.

Prima di tutto però suo papà Mark gli infuse la fede per la squadra della sua città, il Birmingham City. In questa squadra Bellingham muoverà i primi passi da calciatore, entrando nel vivaio a 7 anni ed esordendo a 16 anni e 38 giorni, il 6 agosto 2019, da titolare in una partita di Coppa di Lega contro il Portsmouth, match perso dal Birmingham per 3-0, ma in cui Jude venne giudicato come il migliore in campo dei suoi: inutile dire che quello fu un record assoluto per il club, con il neo 16enne capace di battere il precedente primato di Trevor Francis (che esordì a 16 anni e 139 giorni) nel 1970.


Le Notizie del giorno

Ultima Partita

Prossima Partita

Classifica

Leggi anche

Polemiche a Barcellona, la furia dei tifosi: “Fallo di Osimhen grande come una casa”

Continuano le polemiche in Spagna sulla partita di ieri tra il Napoli e il Barcellona, finita in parità allo stadio Maradona. I tifosi del Barcellona ritengono infatti che il gol del pareggio firmato da Osimhen al minuto 75 nel corso della ripresa sia irregolare ed avrebbe dovuto essere annullato. In particolare, la contestazione riguarda un intervento del nigeriano, attaccante del Napoli, su Inigo Martinez, difensore del Barcellona. Molti tifosi ritengono che ci sia stato un...

Dani Alves condannato a 4 anni e 6 mesi di carcere per stupro

Dani Alves è stato condannato a quattro anni e sei mesi di carcere per uno stupro commesso nella discoteca Sutton la notte del 30 dicembre 2022. Il giudice ha stabilito che i fatti sono provati e ha inflitto al calciatore brasiliano anche cinque anni di libertà vigilata, un risarcimento di 150.000 euro e l'obbligo di coprire le spese processuali. La corte ha infatti accertato nel corso del processo che "l'imputato ha afferrato improvvisamente la denunciante,...