mercoledì, Aprile 17, 2024

NAPOLI NEWS

LEGGI ANCHE

“Ecco la differenza tra l’operazione Osimhen e le plusvalenze artificiali”

“Il caso di Osimhen nasce da una rogatoria della magistratura francese, che indagava sul Lille, cioè il club cedente all’epoca”.

Nel corso di ‘Manca Solo La Firma’, l’avvocato ed esperto di diritto sportivo Mattia Grassani, che cura gli interessi del SSCNapoli, ha parlato delle differenze tra le plusvalenze artificiali della Juventus e l’operazione Osimhen tra il club azzurro e il Lille: “Il caso di Osimhen nasce da una rogatoria della magistratura francese, che indagava sul Lille, cioè il club cedente all’epoca. L’operazione si sostanzia in tre brevi dettagli. Il giocatore fu valutato 71 milioni di euro  e acquistato dal Napoli con pagamento di 51mln cash più contropartita tecnica, cioè Karnezis e altri tre calciatori. Secondo la Procura federale, che ha avuto accesso ai documenti del deferimento di aprile-maggio 2022, la valutazione di Osimhen sarebbe stata spropositata: cioè secondo la Procura Federale, il giocatore non poteva valere 71 milioni di euro, e dunque l’operazione rappresentava una plusvalenza fittizia.

A mio avviso, il caso Osimhen è molto ridotto e limitato, perché l’esperienza ci ha insegnato un club che compie una sola operazione, non un’operazione ripetitiva, e soprattutto non un’operazione a specchio, perché nella trattativa c’è stata un’effettiva circolazione di denaro consistente. L’aspetto all’attenzione della magistratura riguarda la valutazione dei calciatori girati in prestito al Lille, ma in quel caso il Napoli non ha tratto alcun beneficio da questo tipo di operazione, anzi, ha speso anche dei soldi”.

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Sport Napoli è presente anche sul servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News

LIVE NEWS