“Gollini era problematico quando non giocava”

A Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show, è intervenuto Enzo Bucchioni, giornalista

PUBBLICITA

A Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show, è intervenuto Enzo Bucchioni, giornalista: “Il Napoli non è troppo bello per essere vero, questa squadra esiste assolutamente! Gli azzurri sono una macchina perfetta, anche quando va in difficoltà sa recuperare benissimo. Spalletti ha dato una mentalità incredibile, dopo il Mondiale qualcuno sperava che questa squadra crollasse, ma non ci sono mai state avvisaglie. Dopotutto Spalletti è stato l’unico in carriera a gestire una sosta così lunga, come già fatto in Russia. Anziché uno svantaggio, è stato un plus. E poi il mercato ha completato ulteriormente questa rosa, con Bereszynski che farebbe il titolare in tante squadre in Serie A. Ora stiamo assistendo al miglior Spalletti della sua cornice, il Napoli è vicino alla perfezione: dirà la sua anche in Europa. Difetti di questo Napoli? Anche se guardo i dati, è davvero difficile trovarli. Il loro gioco è un’armonia calcistica e si fa fatica ad aggiungere altro. C’è una cultura ed un’idea di calcio dietro di assoluto livello.

Cinquanta punti in un solo girone è roba da Juventus di Conte, che superò i quota 100… Sono contento per Luciano, che non aveva mai avuto quello che erano stati i suoi meriti. A Napoli si è portato la sua grande reazione dopo il divorzio problematico con l’Inter. Gollini? E’ un ragazzo che va gestito, Spalletti dovrà lavorarci molto. L’aria che si porta dietro è di uno problematico in campo se poi non gioca. Senza alcune certezze, poi ne risente molto. Titolare non sarà, vedremo se si accontenterà del suo nuovo ruolo al Napoli. Con l’Atalanta ha avuto un divorzio traumatico, ma il potenziale resta alto”.

Continua a leggere


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le Notizie del giorno

Calzona proverà a schierare Zielinski?

Ultima Partita

Prossima Partita

Classifica

Leggi anche

De Laurentiis non molla: proverà di nuovo a convincere Hamsik a tornare

C’è un filo sottile ma indistruttibile che unisce Hamsik a Napoli. Città e squadra. E non è un caso che Calzona lo avrebbe voluto nel suo staff tecnico proprio come nella nazionale slovacca e che De Laurentiis non si sia ancora rassegnato all’idea di rimandare l’appuntamento: per il momento Marek non se la sente di lasciare la famiglia, i figli, la sua Academy e la Slovacchia. Ma domani, poi, chissà. L'edizione odierna del Corriere dello...

Osimhen da record in Champions: in un dato è dietro solo ad Haaland e Mbappé

Nella sfida contro il Barcellona, Victor Osimhen ha siglato il sesto gol al Maradona nelle ultime sei partite casalinghe di Champions League. In questa particolare classifica, che considera le prestazioni dall'inizio della scorsa stagione, i soli giocatori capaci di segnare più gol in uno stadio specifico nella competizione sono Haaland all'Etihad con 12 reti e Mbappé al Parco dei Principi con 9. Questi numeri piazzano Osimhen tra i migliori attaccanti al mondo, spesso considerato il...