GRAVINA: “Nazionale? Nessuna rivoluzione, non accantoniamo lavoro fatto finora”

Gabriele Gravina, presidente della Figc, è tornato a parlare della Nazionale italiana e dell’eliminazione dai Mondiali durante la conferenza stampa sulle politiche di valorizzazione dei giovani con il presidente della Lega B Mauro Balata.

PUBBLICITA

“Sento parlare di rivoluzione, ma io parlerei di evoluzione – spiega Gravina -. Non è pensabile che dall’11 luglio al 24 marzo tutto il lavoro positivo fatto dalla federazione improvvisamente deve essere accantonato per ricominciare da zero. Mentre soffrivamo l’eliminazione dal Mondiale la filiera azzurra dall’Under 16 all’Under 21 è riuscita a fare cose importanti a livello internazionale”.

“C’è qualcosa che non torna se sbagliamo due rigori decisivi contro la Svizzera o se prima della gara di ritorno a Roma il nostro allenatore è costretto a mandare a casa 10 calciatori per Covid e infortuni – prosegue -. Può questo essere causa di azzeramento delle attività che stiamo portando avanti? Stiamo producendo talenti, li stiamo valorizzando. Ma le opportunità per diventare campioni sfumano. Dobbiamo riflettere sul fatto che i giovani si perdono quando devono fare il salto di qualità”.


Le Notizie del giorno

Ultima Partita

Prossima Partita

Classifica

Leggi anche

Polemiche a Barcellona, la furia dei tifosi: “Fallo di Osimhen grande come una casa”

Continuano le polemiche in Spagna sulla partita di ieri tra il Napoli e il Barcellona, finita in parità allo stadio Maradona. I tifosi del Barcellona ritengono infatti che il gol del pareggio firmato da Osimhen al minuto 75 nel corso della ripresa sia irregolare ed avrebbe dovuto essere annullato. In particolare, la contestazione riguarda un intervento del nigeriano, attaccante del Napoli, su Inigo Martinez, difensore del Barcellona. Molti tifosi ritengono che ci sia stato un...

Dani Alves condannato a 4 anni e 6 mesi di carcere per stupro

Dani Alves è stato condannato a quattro anni e sei mesi di carcere per uno stupro commesso nella discoteca Sutton la notte del 30 dicembre 2022. Il giudice ha stabilito che i fatti sono provati e ha inflitto al calciatore brasiliano anche cinque anni di libertà vigilata, un risarcimento di 150.000 euro e l'obbligo di coprire le spese processuali. La corte ha infatti accertato nel corso del processo che "l'imputato ha afferrato improvvisamente la denunciante,...