ITALIANO: “Contro il NAPOLI servirà personalità e grande coraggio”

Vincenzo Italiano, allenatore della Fiorentina, è intervenuto tramite i canali social del club per fare il punto della situazione in vista della partita contro il Napoli, in programma domenica allo stadio Maradona.

PUBBLICITA

“Avevo detto prima della gara contro l’Inter che la gara avrebbe richiesto grande personalità e coraggio. A Napoli dovrà essere così – spiega il tecnico -. Loro lottano per un grande traguardo, un obiettivo importantissimo. E sono in grande forma. Sono convinto che il pubblico gli darà una grande spinta, noi dovremmo prepararci ad una partita di sacrificio e attenzione come a San Siro”.

Bonaventura e Odriozola non saranno a disposizione – aggiunge l’ex allenatore dello Spezia -. Hanno avuto due infortuni bruttini, che non ti permettono di stare al 100%. Speriamo di recuperarli presto. Torreira sarà assente per squalifica, è un peccato perché nell’ultimo periodo è stato determinante. Ma chi lo sostituirà si farà trovare pronto, vedo i giocatori allenarsi al meglio”.

Cabral? E’ in grande crescita, si è un po’ sciolto e si è liberato da ansie e timori contro l’Empoli. Ha fatto un’ottima partita – prosegue Italiano -. Anche Piatek sta lavorando bene, ma ha avuto un infortunio con la Polonia. Vedremo se ce la farà”.


Le Notizie del giorno

Ultima Partita

Prossima Partita

Classifica

Leggi anche

Polemiche a Barcellona, la furia dei tifosi: “Fallo di Osimhen grande come una casa”

Continuano le polemiche in Spagna sulla partita di ieri tra il Napoli e il Barcellona, finita in parità allo stadio Maradona. I tifosi del Barcellona ritengono infatti che il gol del pareggio firmato da Osimhen al minuto 75 nel corso della ripresa sia irregolare ed avrebbe dovuto essere annullato. In particolare, la contestazione riguarda un intervento del nigeriano, attaccante del Napoli, su Inigo Martinez, difensore del Barcellona. Molti tifosi ritengono che ci sia stato un...

Dani Alves condannato a 4 anni e 6 mesi di carcere per stupro

Dani Alves è stato condannato a quattro anni e sei mesi di carcere per uno stupro commesso nella discoteca Sutton la notte del 30 dicembre 2022. Il giudice ha stabilito che i fatti sono provati e ha inflitto al calciatore brasiliano anche cinque anni di libertà vigilata, un risarcimento di 150.000 euro e l'obbligo di coprire le spese processuali. La corte ha infatti accertato nel corso del processo che "l'imputato ha afferrato improvvisamente la denunciante,...