SPALLETTI: “Non meritavamo di perderla. Scudetto? Ora dipende dagli altri”

Luciano Spalletti, allenatore del Napoli, è intervenuto ai microfoni di DAZN dopo il ko interno contro la Fiorentina, la sesta sconfitta in stagione e la quinta al Maradona.

PUBBLICITA

“E’ una sconfitta che costa molto e che faccio fatica a digerire, ma per certi versi non meritavamo di perderla – spiega Spalletti -. Loro non hanno rubato nulla, hanno fatto la partita giusta. Noi però dopo aver pareggiato eravamo dentro la partita, poi c’è stato quell’episodio su Mario Rui dal quale è nato il loro gol. Anche il terzo l’abbiamo preso in maniera simile. Abbiamo qualche colpa, mi dispiace soprattutto per il pubblico e per la squadra perché l’atteggiamento in settimana era giusto”.

“Abbiamo giocato molto in verticale, la Fiorentina poi fa uomo contro uomo con Milenkovic che viene a marcare i giocatori anche fino a metà campo – prosegue il tecnico -. Potevamo forse far meglio sulle giocate in profondità, poi Osimhen non era al massimo della condizione. Ha saltato un paio di allenamenti in settimana e veniva dagli impegni in nazionale, ha sofferto questi duelli fisici con la difesa avversaria”.

“Il cambio Fabian-Zielinski? Piotr ha questo passo fluido sulla copertura delle distanze, Fabian invece non si sta allenando con continuità per via di qualche problemino – spiega –. Zielinski sa gestire la palla con qualità e ha lo strappo facile, ho provato a forzare qualcosa per riprendere il risultato con un assetto più offensivo”.

Scudetto? Si fa più difficile. Pensiamo a vincere la prossima, anche se ora dipende dagli altri e non da noi – conclude -. Quinta sconfitta in casa? Vanno valutati gli episodi, non penso questa partita sia simile ad altre. Non vedo un problema sicuro”.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le Notizie del giorno

Calzona proverà a schierare Zielinski?

Ultima Partita

Prossima Partita

Classifica

Leggi anche

De Laurentiis non molla: proverà di nuovo a convincere Hamsik a tornare

C’è un filo sottile ma indistruttibile che unisce Hamsik a Napoli. Città e squadra. E non è un caso che Calzona lo avrebbe voluto nel suo staff tecnico proprio come nella nazionale slovacca e che De Laurentiis non si sia ancora rassegnato all’idea di rimandare l’appuntamento: per il momento Marek non se la sente di lasciare la famiglia, i figli, la sua Academy e la Slovacchia. Ma domani, poi, chissà. L'edizione odierna del Corriere dello...

Osimhen da record in Champions: in un dato è dietro solo ad Haaland e Mbappé

Nella sfida contro il Barcellona, Victor Osimhen ha siglato il sesto gol al Maradona nelle ultime sei partite casalinghe di Champions League. In questa particolare classifica, che considera le prestazioni dall'inizio della scorsa stagione, i soli giocatori capaci di segnare più gol in uno stadio specifico nella competizione sono Haaland all'Etihad con 12 reti e Mbappé al Parco dei Principi con 9. Questi numeri piazzano Osimhen tra i migliori attaccanti al mondo, spesso considerato il...