sabato, Maggio 18, 2024

NAPOLI NEWS

LEGGI ANCHE

SPALLETTI non parla, al suo posto lo staff del NAPOLI: “Infortuni? Troppi impegni e Covid ha lasciato strascichi”

Niente conferenza per Luciano Spalletti: il tecnico del Napoli, alla vigilia della sfida contro il Torino di Juric, ha lasciato parlare i membri del suo staff.

Il preparatore atletico Sinatti ha parlato degli infortuni accusati nel corso della stagione: “Il calcio è cambiato negli anni e il Covid ha portato indubbiamente delle problematiche. L’80% della rosa è stata positiva, il virus ha inciso e lasciato strascichi anche successivamente. Il Covid lascia uno stato infiammatorio nell’organismo e problematiche muscolari. La differenza va fatta anche tra natura muscolare e traumatica e questi ci hanno penalizzato molto quest’anno a partire dai traumi per Osimhen. La frequenza degli impegni non aiuta”.

Il collaboratore Baldini ha risposto ad una domanda sulle difficoltà incontrate nella seconda parte del campionato: “Non esiste una controprova, i fattori sono tanti. C’è stata la Coppa d’Africa, il Covid, molte partite e tanta fatica accumulata. Vanno fatte delle valutazioni, ma non è mai cambiato l’impegno, che è stato sempre massimale. I ragazzi sono stati sempre fantastici e li ringraziamo per l’obiettivo raggiunto, che mancava da anni”.

A Sinatti è stato chiesto della preparazione, discussa anche da ADL, e della delusione a Scudetto svanito: “Mi piace rispondere con dati oggettivi. Ad Empoli è stata la gara con più alta velocità del campionato, a Roma siamo stati superiori sia nel primo che nel secondo tempo sotto tutti gli aspetti. Se guardiamo il 4-0 con la Lazio invece abbiamo prodotto meno degli avversari. Non sempre quanto ottenuto in campo è proporzionale alla questione fisica”.

Delusione? C’ero anche l’anno dei 91 punti ma sono due stagioni diverse – prosegue Sinatti -. Non c’è rammarico: dispiace esserci andati vicini ma siamo in linea con gli obiettivi iniziali della società”.

“Le problematiche di Zielinski? Non ha alcun problema fisico – prosegue il preparatore atletico -. Ha grandi qualità fisiche sia come accelerazione che come resistenza, con coordinazione difficile da trovare. Da questo punto di vista non ci sono problemi”.

“Ogni stagione è a se e va analizzata in base anche alle competizioni che si giocano ogni tre giorni – ha aggiunto Cacciapuoti, secondo di Sinatti -. Non c’è una relazione solo in base ai punti, la squadra è migliorata e se ci sono dei cali possono sembrare legati a motivazioni o fisico, ma non è così”.

A Calzona è stato chiesto un confronto con la difesa dell’era Sarri, visto il grande rendimento: “A parte il periodo finale abbiamo fatto molto bene, siamo stati la migliore o la seconda per un lungo periodo di tempo. I meriti sono di Spalletti, ha dato compattezza. Poi ci ha pensato il resto della squadra”.

Il preparatore dei portieri Lopez ha risposto ad una domanda sulla stagione di Meret ed Ospina: “Si sono comportati benissimo in questa stagione. Alex ha reagito con grande professionalità e personalità all’errore di Empoli”.

Infine, una battuta del match analyst Beccaccioli: “La squadra ha dominato quasi tutte le partite, questa è la nostra idea di gioco. La squadra nelle difficoltà non si è mai snaturata”.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leggi anche