SUPERLEGA pronta al rilancio: dura opposizione di CEFERIN e TEBAS

A quasi un anno dal primo tentativo fallito, il progetto Superlega si prepara a tornare per scuotere ancora una volta il mondo del calcio.

PUBBLICITA

Juventus, Real Madrid e Barcellona, secondo le indiscrezioni, non hanno mai mollato il progetto e hanno continuato a lavorarci per implementarlo e migliorare i difetti che erano emersi nello scorso aprile. Andrea Agnelli, patron dei bianconeri, potrebbe spiegare il nuovo format oggi stesso al congresso sportivo-economico organizzato dal Financial Times a Londra: non più completamente “chiuso” con squadre fisse ma che stabilisca anche qualificazioni tramite i campionati nazionali. E non solo: potrebbe essere introdotto anche un sistema di promozioni e retrocessioni, ispirato all’attuale Nations League della UEFA.

A tal proposito, il presidente della UEFA Alexander Ceferin si è già espresso sul possibile ritorno del progetto, attaccando duramente i fondatori: “E’ un’idea senza senso, i club non si aspettino di partecipare alle nostre competizioni. L’anno scorso hanno usato una pandemia, ora una guerra”. Gli fa eco Javier Tebas, presidente della Liga spagnola: “Questi club non fanno altro che mentire, sono peggio di Putin. Bisogna essere idioti per credere a quello che dicono: faranno molti danni al calcio”.


Le Notizie del giorno

Ultima Partita

Prossima Partita

Classifica

Leggi anche

La riflessione di Lippi: “Il calcio non è un mondo perfetto, ma lo amo sempre”

Il calcio continua a suscitare in me grande interesse, e anche oggi "mi piace tutto. Non è un mondo perfetto, ci sono dei difetti, ma lo amo allo stesso modo". Queste sono le parole di Marcello Lippi, mentre parla del docufilm "Adesso vinco io", dedicato a uno degli allenatori più amati e vincenti del calcio italiano, realizzato da Simone Herbert Paragnani e Paolo Geremei. Il film non fiction, dopo il suo debutto al Torino...

Squadra abbandona il campo, nove giorni di squalifica al tecnico per insulti all’arbitro

L'allenatore della società S. Lorenzo Campi Giovani di Campi Bisenzio (Firenze), impegnata nel campionato dilettanti di Terza categoria (girone 'A'), è stato oggetto di una squalifica di nove giornate da parte del giudice sportivo del comitato regionale Toscana. Il tecnico, Alberto Gialdini, è stato espulso per doppia ammonizione e per aver offeso l'arbitro. La motivazione della squalifica sottolinea che Gialdini "ha assunto un contegno gravemente irrispettoso del regolamento, avendo un ruolo decisivo nella scelta di...