Tudor a De Laurentiis: “Non sono un traghettatore”

Dopo alcuni giorni, emergono alcuni retroscena del mancato accordo tra Aurelio De Laurentiis e Igor Tudor nel calcio. Mentre Igor Tudor sembrava essere il principale candidato per sostituire Rudi Garcia come allenatore del Napoli, Aurelio De Laurentiis non è riuscito a trovare un accordo con il tecnico croato. Il giornalista Marco Giordano ha fornito dettagli e retroscena sulla mancata riuscita della trattativa.

PUBBLICITA

Secondo quanto riferito dal giornalista, Tudor ha declinato l’offerta di De Laurentiis a causa della durata contrattuale proposta. Il presidente è titubante dopo l’esperienza biennale con Garcia e non desidera assumersi un nuovo rischio. D’altra parte, Tudor ha preferito rifiutare l’offerta presidenziale per poter affrontare il calendario fitto di impegni in arrivo per il Napoli, oltre a voler avere un’autorità nel vestitoio e non essere considerato solo un traghettatore dai calciatori.

Tudor avrebbe dichiarato a De Laurentiis di desiderare lavorare con una rosa che reputa di grandissimo valore. Sia sull’ingaggio che sullo staff (Tudor ha 3 collaboratori) non ci sarebbero state difficoltà. Questi sono alcuni dei motivi che hanno portato alla mancata intesa tra le parti.

Fonte

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

PUBBLICITA

Ultima Partita

Prossima Partita

Classifica

LEGGI ANCHE

Haaland furioso, attacca l’arbitro anche sui social

Il volto distorto dall'ira di Erling Haaland dà la misura del livello di nervosismo che serpeggia nel Manchester City. Ieri, con il 3-3 impostogli a domicilio dal Tottenham, è arrivato il terzo pareggio di file in Premier League e Haaland - rimasto a secco - ha criticato l'arbitro Simon Hooper. Il norvegese se l'è presa sui social media per una decisione controversa, ovvero quella mancata concessione del vantaggio nei minuti finali della sfida contro gli Spurs dopo che, dopo un fallo, era riuscito a lanciare Jack Grealish verso la porta avversaria nei minuti di recupero. Haaland è stato uno dei tanti...