Il rammarico di De Laurentiis: “Ho sbagliato a non trattenere Spalletti”

Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, racconta tutto in conferenza stampa. Il patron dei partenopei è tornato a parlare della passata stagione, dell’addio di Luciano Spalletti, dello scudetto e dell’eliminazione dalla Champions, con passaggio anche sulla stagione attuale e sul futuro del campionato italiano.

PUBBLICITA

Spalletti? Nel secondo anno ha mostrato un miglioramento gestendo meglio il gruppo, decidendo persino di risiedere qui. La delusione è arrivata con l’uscita dalla Champions, un trofeo che mi aspettavo di vincere. Al premio Bearzot il 24 marzo, avevo dichiarato che Spalletti sarebbe rimasto con noi, una promessa da lui non smentita”.

“Il 21 aprile, per incoraggiare Spalletti, gli inviai il rinnovo contrattuale via PEC. Mai avrei immaginato che nella cena del 12 maggio, all’Altro Loco, Spalletti potesse annunciarmi il suo desiderio di ritirarsi in campagna. Non mi arresi, anche se sorse il dubbio di un possibile contatto con Gravina. Il mio errore fu accettare la richiesta di Spalletti per riconoscenza. Forse lui pensava di aver ottenuto il massimo dal gruppo”.

De Laurentiis: “Thiago Motta? Mi disse di voler andare all’estero” 

Thiago Motta era nella nostra lista, ma il suo desiderio di allenare all’estero ha escluso la possibilità. La scelta dell’allenatore è bilaterale, e rispettare le preferenze del candidato è fondamentale. Nel caso di Dragusin, nonostante un’offerta più vantaggiosa, lui ha scelto la Premier League”.

“Si avvicina un momento in cui Var, calcio, Uefa, Fifa e Figc dovranno riflettere in modo diverso. La Superlega, sebbene sbagliata, ha avuto il merito di scatenare il cambiamento, riconosciuto da Florentino Perez, il quale ha ottenuto una soluzione dalla Corte europea. Sto studiando con lui una competizione che potrebbe generare fino a 100 miliardi di entrate, rivoluzionando il calcio”.

“L’idea di una Serie A autonoma sulla falsariga della Premier League è supportata da almeno 10 anni. L’Inghilterra è esempio di successo, ma in Italia, la politica favorisce gli interessi elettorali a discapito dello sviluppo del calcio. La legge Melandri ha danneggiato cinema e calcio, svendendo il campionato italiano per i prossimi 5 anni. L’assenza di una vera Confindustria nel calcio italiano è un problema strutturale che va risolto”.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le Notizie del giorno

Calzona proverà a schierare Zielinski?

Ultima Partita

Prossima Partita

Classifica

Leggi anche

Reja: “Calzona? Penso sia l’unico in grado di restituire al Napoli lo spirito che manca”

Edi Reja, allenatore ed ex tecnico anche di Napoli e Cagliari tra le altre, è intervenuto ai microfoni di Radio CRC: "Il mio rapporto con De Laurentiis è rimasto forte; c'è ancora quella sintonia che avevamo quando ero a Napoli. Lui sa già come gestire la situazione da solo. Abbiamo qualche conversazione di tanto in tanto, ma non posso dare consigli senza comprendere appieno la dinamica interna delle società". "Osservo sempre il Napoli con grande...

Calzona proverà a schierare Zielinski?

Nel corso di Giochiamo d'anticipo su Televomero, il giornalista Sky Francesco Modugno ha parlato della situazione di Zielinski con il nuovo allenatore. Modugno ha fatto notare che, secondo lui, se il tecnico Calzona dovesse scegliere un centrocampista, opterebbe per Zielinski in quanto conosce il giocatore e lo ritiene il più forte che il Napoli possiede. Tuttavia, ha sollevato il dubbio su come reagirebbe il presidente ADL in caso Calzona decidesse di schierare Zielinski. "Calzona se dovesse scegliere...