DE ZERBI bloccato in UCRAINA: “Svegliato dalle esplosioni”

Roberto De Zerbi, ex allenatore del Sassuolo ed ora in carica allo Shaktar Donetsk, parla da un hotel della città dell’atmosfera che si vive in Ucraina e dell’invasione militare della Russia.

“Stiamo bene, ma la situazione è precipitata da questa mattina. Siamo stati svegliati tra le 4 e le 5 dalle esplosioni – ha spiegato il tecnico ex Sassuolo a Sky Sport 24 -. Fino a ieri ci dicevano che il campionato sarebbe ripartito, ma così non è stato. Siamo costantemente in contatto con le nostre ambasciate per capire il da farsi, loro ci stanno dando grande sostegno e vicinanza”.

“Il nostro obiettivo era giocare a calcio, non siamo qui per fare gli eroi – insiste -. Rifarei la stessa scelta, ma ora stiamo cercando un modo per andare via. Paura? Penso alla mia famiglia che è a Brescia e ai miei giocatori, che mi vedono come quello più grande che dovrebbe tutelarli. Nemmeno io so cosa dirgli”.

“Andarsene prima? Fino a ieri sera il campionato doveva proseguire, sabato avremmo dovuto giocare a Kharkiv, a 30 km dalla Russia – continua De Zerbi -. C’era preoccupazione, certo, ma non ce la sentivamo di abbandonare tutto. Dovevamo farci sentire di più con la Federcalcio locale: hanno chiaramente sottovalutato le parole di Putin”.

“Soluzioni? In auto è impossibile, ci sono 5 milioni di persone in viaggio verso la Polonia – conclude -. A noi piacerebbe andar via quando anche gli altri saranno nelle condizioni di farlo, non è la gara a chi si mette in salvo prima”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ULTIME NOTIZIE

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato sulle ultime notizie di calcio e sport

TI POTREBBE INTERESSARE