giovedì, Giugno 20, 2024

Esposto contro l’Inter: la Procura indaga sull’iscrizione al campionato di Serie A

Aperto un fascicolo sulle presunte irregolarità nell’iscrizione dell’Inter all’ultimo campionato di Serie A

La Procura di Milano ha avviato un fascicolo conoscitivo in merito alle presunte irregolarità legate all’iscrizione dell’Inter all’ultimo campionato di Serie A. Questa iniziativa parte dall’esposto presentato dalla ‘Fondazione Jdentità Bianconera’. Attualmente, non ci sono indagati specifici né ipotesi di reato.

Secondo quanto riportato dall’ANSA, l’esposto è arrivato agli inquirenti milanesi lo scorso venerdì. Il Procuratore Marcello Viola ha quindi assegnato il fascicolo esplorativo, definito “modello 45”, ai Pubblici Ministeri Roberta Amadeo, Pasquale Addesso e Giovanni Polizzi.

L’origine dell’esposto

La ‘Fondazione Jdentità Bianconera’ ha sollevato questioni riguardo alla regolarità dei documenti e delle procedure utilizzate dall’Inter per l’iscrizione al campionato di Serie A. L’obiettivo è fare luce su possibili irregolarità amministrative o regolamentari, che potrebbero avere un impatto significativo.

Lo scorso venerdì, l’esposto è stato formalizzato e indirizzato alla Procura di Milano, attirando l’attenzione del Procuratore Marcello Viola. Il fascicolo esplorativo è stato così assegnato a tre pubblici ministeri noti per la loro esperienza in inchieste sportive.

Le prossime mosse della Procura

Nonostante al momento non vi siano indagati specifici, l’apertura del fascicolo rappresenta un passo importante per determinare se vi siano state effettivamente irregolarità nell’iscrizione dell’Inter. La Procura di Milano, con i suoi P.M. Roberta Amadeo, Pasquale Addesso e Giovanni Polizzi, procederà ad una serie di verifiche e accertamenti per chiarire la situazione.

Questa iniziativa potrebbe avere ripercussioni significative non solo per l’Inter ma per l’intero sistema sportivo italiano, qualora dovessero emergere prove di irregolarità.

Per approfondire l’argomento sulla fonte originale



Leggi anche