Mondiali di calcio, il Qatar vieta la vendita di birra negli stadi

Le autorità del Qatar hanno stabilito che non potrà essere venduta birra negli stadi che ospiteranno il Mondiale di calcio a partire dal 20 novembre prossimo.

PUBBLICITA

La decisione è giunta oggi, a due giorni dall’inizio della competizione sportiva, ed è stata confermata dalla FIFA in un comunicato in cui ha affermato: “A seguito delle discussioni tra le autorità del Paese ospitante e la FIFA, è stata presa la decisione di concentrare la vendita di bevande alcoliche nel Fifa Fan Festival, in altre destinazioni per i tifosi e in luoghi autorizzati, rimuovendo i punti vendita di birra dai perimetri dello stadio della Coppa del mondo Fifa 2022″.

Niente birra negli stadi in Qatar: venduta solo quella analcolica

Bud Zero, una birra analcolica, sarà invece disponibile, ha precisato FIFA. Champagne, vino, whisky e altri alcolici saranno ancora serviti in lussuose aree delle arene, dove, però, sono pochi i titolari di biglietto che vi hanno accesso. In realtà, quando Doha si è offerta per ospitare il torneo, aveva accettato i requisiti della FIFA, tra cui la vendita di alcolici negli stadi, ma i dettagli sulla questione sono stati rilasciati solo a settembre, undici settimane prima del primo calcio d’inizio, il che suggerisce possibili difficoltà nei negoziati.

Niente birra ai Mondiali, duro colpo per lo sponsor Budweiser

Oltre ad essere un duro colpo per Budweiser, che ha sponsorizzato i Mondiali con un accordo da 75 milioni di dollari, la mossa dell’ultimo minuto ha messo in luce una delle molteplici questioni sollevate nel corso dell’organizzazione dell’evento sportivo, ospitato per la prima volta in Medio Oriente, oltre che in un Paese musulmano conservatore, dove la vendita di alcolici è fortemente limitata.

Come evidenzia il “New York Times”, la decisione solleva interrogativi anche sull’effettivo controllo di FIFA sull’evento, dopo che per anni la stessa Federazione è stata bersaglio di critiche da parte di chi si è opposto a tenere in Mondiali in un Paese come il Qatar. Il timore è che l’ente calcistico possa piegarsi anche in merito ad altre promesse fatte da Doha contrarie alle leggi e ai costumi locali, tra cui questioni come la libertà di stampa, le proteste di strada e i diritti dei visitatori Lgbtq+.

Ronan Evain, direttore esecutivo del gruppo di tifosi Football Supporters Europe, ha definito la decisione di vietare la vendita di birra negli stadi in Qatar “estremamente preoccupante”. “A 48 ore dall’inizio, siamo chiaramente entrati in un territorio pericoloso, dove le ‘garanzie’ non contano più”, ha affermato.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le Notizie del giorno

Calzona proverà a schierare Zielinski?

Ultima Partita

Prossima Partita

Classifica

Leggi anche

De Laurentiis non molla: proverà di nuovo a convincere Hamsik a tornare

C’è un filo sottile ma indistruttibile che unisce Hamsik a Napoli. Città e squadra. E non è un caso che Calzona lo avrebbe voluto nel suo staff tecnico proprio come nella nazionale slovacca e che De Laurentiis non si sia ancora rassegnato all’idea di rimandare l’appuntamento: per il momento Marek non se la sente di lasciare la famiglia, i figli, la sua Academy e la Slovacchia. Ma domani, poi, chissà. L'edizione odierna del Corriere dello...

Osimhen da record in Champions: in un dato è dietro solo ad Haaland e Mbappé

Nella sfida contro il Barcellona, Victor Osimhen ha siglato il sesto gol al Maradona nelle ultime sei partite casalinghe di Champions League. In questa particolare classifica, che considera le prestazioni dall'inizio della scorsa stagione, i soli giocatori capaci di segnare più gol in uno stadio specifico nella competizione sono Haaland all'Etihad con 12 reti e Mbappé al Parco dei Principi con 9. Questi numeri piazzano Osimhen tra i migliori attaccanti al mondo, spesso considerato il...