Le PAGELLE del NAPOLI: scossa INSIGNE, capolavoro FABIAN

Il Napoli si riprende la vetta del campionato grazie ad una vittoria al cardiopalma sul campo della Lazio. Apre Insigne, poi il pari di Pedro ed infine il gol capolavoro di Fabian Ruiz al 94′: ecco le pagelle degli azzurri.

Ospina: 6,5. Parata fondamentale su Pedro sul punteggio di 0-1, poi non riesce a fermare il tiro fulmineo dello spagnolo poco dopo. Buona partita dopo le critiche di Cagliari.

Di Lorenzo: 6,5. Annulla un cliente scomodissimo come Zaccagni sulla sua fascia con un’ottima fase difensiva. Spinge in attacco quando necessario.

Rrahmani: 6. In affanno nella prima mezz’ora (qualche palla persa di troppo), poi regge bene insieme al resto della difesa nella ripresa chiudendo in crescendo

Koulibaly: 6,5. Poco lucido nel primo tempo, anche lui prende confidenza con la partita nella ripresa e fa interventi importanti per mantenere aperto il risultato

Mario Rui: 6. Qualche solita sbavatura, ma una partita tutto sommato onesta ed in linea con la stagione finora condotta dal portoghese.

Demme: 6. Spesso troppo impacciato, ma una prestazione decisamente migliore di quella vista contro il Barcellona giovedì. Fa la sua parte anche in occasione del gol.

Fabian Ruiz: 7. Non era stata la sua partita migliore, poi arriva la pennellata che vale il primato in classifica: sinistro a girare che termina nell’angolino e che vale la vetta.

Politano: 6,5. Il migliore nel primo tempo dove gli azzurri soffrono di più, aiuta i suoi tanto anche in fase difensiva con ripiegamenti continui (dall’81’ Ounas: 6,5. Da una sua giocata nasce la rete di Fabian).

Zielinski: 6. Ci prova nel primo tempo: un suo tiro da fuori è l’occasione migliore degli azzurri in avvio di gara. Entra peggio in campo nella ripresa, Spalletti se ne accorge e lo sostituisce (dal 57′ Elmas: 7. Dà la scossa che serviva in attacco: serve Insigne per il primo gol)

Insigne: 7. Finalmente il capitano: stoccata precisa all’angolino per l’1-0, assist per il raddoppio di Fabian al 94′. Si carica la squadra sulle spalle e cancella i fischi di giovedì.

Osimhen: 6. Poco incisivo in un contropiede al 5′, poi tanti contrasti ma poche occasioni, se non quella sprecata in pieno recupero. Va premiato sempre e comunque per la grinta e per la sua importanza nell’attacco azzurro.

Rispondi

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato sulle ultime notizie di calcio e sport

LE ALTRE NEWS