lunedì, Giugno 24, 2024

SALERNITANA, la rottura tra SABATINI e IERVOLINO spiegata: “Non pago certe commissioni”

Botta e risposta in casa Salernitana tra il presidente Danilo Iervolino e l’ex ds Walter Sabatini. I due, negli ultimi giorni, hanno spiegato ai quotidiani i motivi della separazione a sorpresa dopo la conquista dell’insperata salvezza grazie al lavoro fatto negli ultimi sei mesi della stagione.

Sabatini, in primis, ha spiegato la sua verità al Corriere della Sera: “E’ stato un equivoco – dice l’ex ds granata -. Non volevamo perdere Coulibaly e così abbiamo cercato di togliergli una clausola secondo cui il ragazzo poteva liberarsi a 20mila euro in B e 1,7 milioni in A, accordo non trovato da me. L’agente per farlo ci ha chiesto una commissione“.

Dura la replica del patron Iervolino alla Gazzetta dello Sport: “Di equivoco c’è solo lui, è un bugiardo. Volevamo corrispondere a Coulibaly un aumento di stipendio, ma l’agente ci ha chiesto un milione di euro di commissioni secondo un impegno preso da Sabatini stesso. Io non accetto queste storture e lui a quel punto mi ha detto che vista la mia posizione non se la sentiva di continuare. Si sente da Champions League, vedremo dove andrà: non sa nemmeno far funzionare un computer…”.

La risposta di Sabatini, questa volta a Radio Anch’Io Sport su Radio 1, non si è fatta attendere: “Se mi ha dato del bugiardo ne risponderà in tribunale. Io sono 30 anni che faccio calcio, lui 30 giorni. Il problema delle commissioni non è mio, ma del calcio. Siamo d’accordo su questo, è una questione sulla quale ho combattuto in passato con agenti di grande calibro. Questa di Iervolino è una brutta caduta di stile, ricordo quando mi chiedeva quasi piangendo di salvare la Salernitana…”.



Leggi anche