Il preparatore atletico VENTRONE: “Il Napoli? Ha accusato il ritorno alla settimana tipo”

Gian Piero Ventrone, preparatore atletico napoletano ora nello staff di Conte al Tottenham, è intervenuto per parlare del momento del Napoli ai microfoni di Radio Marte, nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma.

“Il calo del Napoli? Il rendimento di una squadra dipende da molti fattori, non solo dallo stare bene o meno fisicamente – ha spiegato -. Un fattore che secondo me va analizzato è il ritorno alla settimana tipo. E’ potuto accadere che i giocatori si fossero abituati a giocare e non ad allenarsi in settimana. Allenarsi ogni giorno è una cosa, passare dal giocare ogni tre giorni ad allenarsi ogni giorno rischia di portarti ad un leggero allentamento. Di solito, però, si supera in poche settimane”.

“Il Napoli corre più di tutte? La distanza percorsa è solo un parametro televisivo, non tecnico. Non ha nessun riferimento a livello prestativo – prosegue -. Dipende dalla qualità della corsa, dall’accelerazione e dalla decelerazione, dal recupero. Va esaminata la qualità del tipo di corsa e non i chilometri percorsi”.

“Avere calciatori in scadenza può incidere? Potrebbe, anche se non penso – aggiunge -. Un professionista serio e valido viene pagato dal club fino all’ultimo giorno ed è giusto che dia il massimo fino in fondo. Può accadere che non dia il massimo se guarda al futuro, alle probabilità di infortunio e così via. E se hai 2 o 3 calciatori che danno il 10% in meno, la squadra viaggia al 30% in meno”.

Spalletti? E’ uno degli allenatori più preparati, tutti mi parlano bene di lui. Deve essere il punto di partenza – conclude -. Spetta alla squadra superare le incertezze e raddrizzare il tutto per prendersi una posizione migliore. Dopo un’annata ottimale perdere tutto per poche partite sarebbe un peccato”.

Rispondi

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato sulle ultime notizie di calcio e sport

LE ALTRE NEWS