La FIFA annuncia nuove regole su trasferimenti e prestiti: i dettagli

La FIFA, riunitasi oggi a Doha, in Qatar, ha ufficializzato le nuove norme per i trasferimenti di giocatori tra club ed in particolare per i prestiti, che entreranno in vigore a partire da questo 1° luglio.

PUBBLICITA

Le regole riguardano tutti i calciatori dai 21 anni in su e non impatteranno quelli cresciuti nei settori giovanili dei club. Tre, in particolare, i cambiamenti significativi a partire dalla prossima estate: dal 1° luglio 2022 al 30 giugno 2023 un club potrà avere un massimo di otto giocatori in prestito in entrata e otto in uscita, in qualsiasi momento durante la stagione. Dal 1° luglio 2023 al 30 giugno 2024, invece, il numero scenderà a sette per poi passare a sei dal 1° luglio 2024.

Il Consiglio della Fifa ha inoltre ufficialmente indetto le elezioni presidenziali, che si terranno nell’ambito del 73° Congresso in programma nel 2023. Il periodo per determinare i candidati alla poltrona attualmente occupata da Gianni Infantino si aprirà domani e terminerà a quattro mesi dall’inizio del Congresso.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le Notizie del giorno

Calzona proverà a schierare Zielinski?

Ultima Partita

Prossima Partita

Classifica

Leggi anche

Reazione Kvara dopo cambio, Calzona non l’ha presa bene. ADL ora potrebbe multarlo

Il Napoli ha ottenuto un pareggio complessivamente positivo, considerando il momento attuale della squadra e la forza dell'avversario, nella partita contro il Barcellona. Tuttavia, un aspetto negativo è emerso durante la prestazione al Diego Armando Maradona, rappresentato da Khvicha Kvaratskhelia. Il talentuoso giocatore georgiano, al momento della sua sostituzione, ha chiaramente mostrato il suo disagio per la decisione del mister Calzona, con il quale ha avuto ieri un confronto a Castel Volturno. Il tecnico...

De Laurentiis non molla: proverà di nuovo a convincere Hamsik a tornare

C’è un filo sottile ma indistruttibile che unisce Hamsik a Napoli. Città e squadra. E non è un caso che Calzona lo avrebbe voluto nel suo staff tecnico proprio come nella nazionale slovacca e che De Laurentiis non si sia ancora rassegnato all’idea di rimandare l’appuntamento: per il momento Marek non se la sente di lasciare la famiglia, i figli, la sua Academy e la Slovacchia. Ma domani, poi, chissà. L'edizione odierna del Corriere dello...