Nel segno di Osimhen: il Napoli sbanca ancora Roma

Il Napoli sbanca Roma nel segno di Victor Osimhen e vola in vetta al campionato, sempre più solitaria. All’Olimpico gli azzurri passano con il risultato di 1-0: basta un gol di Osimhen all’80′.

PUBBLICITA

Qualche assenza e qualche scelta diversa per il Napoli. Spalletti preferisce Olivera a Mario Rui e schiera ancora Juan Jesus al centro della difesa con Kim e capitan Di Lorenzo sulla destra. A centrocampo Ndombele sostituisce Anguissa, ancora indisponibile, con Lobotka e Zielinski a completare il reparto. In attacco c’è il ritorno di Osimhen dal 1′: sulle fasce ci sono Kvaratskhelia e Lozano.

Assenze pesanti anche per la Roma di Mourinho: oltre a Dybala ed al lungodegente Wijnaldum dà forfait all’ultimo anche Zalewski per una gastroenterite. In porta dunque vediamo Rui Patricio, difesa a tre con i soliti Mancini, Smalling e Ibanez. Esterni di centrocampo sono Karsdorp e Spinazzola. Sulla mediana Camara e Cristante, in attacco Zaniolo e Pellegrini a supporto di Abraham.

Napoli, episodio VAR su Ndombele nel primo tempo

Il Napoli prova subito ad imporre il proprio ritmo alla partita con un pressing alto, la Roma risponde tentando di chiudere le vie di passaggio agli azzurri con lanci lunghi in avanti per colpire in ripartenza. I primi squilli di entrambe le squadre sono deboli: ci provano Zaniolo ed Abraham per i giallorossi, i partenopei rispondono con le conclusioni di Zielinski e Lozano bloccate. In un primo tempo senza occasioni clamorose tutte le emozioni si concentrano nell’episodio VAR del 38′. Ndombele vince un rimpallo in area e cade in un contrasto con Rui Patricio in uscita: l’arbitro Irrati assegna calcio di rigore al Napoli. Grandi proteste dei padroni di casa e il VAR richiama subito il direttore di gara al monitor: il portiere ha infatti toccato leggermente il pallone prima del contatto con il centrocampista azzurro, penalty revocato. Si va a riposo sullo 0-0.

Napoli da subito più pericoloso in avvio di ripresa: Olivera pesca Lozano che calcia forte mirando sotto la traversa, gran riflesso di Rui Patricio che spedisce in corner. Poco dopo chance anche per Kvaratskhelia, che su tocco di Zielinski salta secco Mancini ma schiaccia troppo il sinistro salvato quindi in scivolata da Smalling. Il forcing offensivo degli azzurri prosegue e al 61′ anche Juan Jesus spreca una buona opportunità, svirgolando un buon pallone appoggiato da Osimhen al centro dell’area. Al 70′, in contropiede, l’occasione migliore per il Napoli: assist di Lozano per Osimhen, il nigeriano arriva davanti al portiere e calcia un diagonale che finisce però a lato di poco.

Napoli, il gol vittoria di Osimhen all’80’

Dopo 10′ di falli e nervosismo (ammoniti Olivera, Lobotka e Spalletti per gli azzurri, Ibanez per i giallorossi) arriva il gol che sblocca la gara. Palla in profondità del neo entrato Politano per Osimhen, il nigeriano vince il contrasto con Smalling e con un sinistro al volo fulmina Rui Patricio: è l’1-0 del Napoli all’Olimpico. Gli azzurri amministrano i minuti finali, che scorrono senza particolari pericoli per la porta di Meret, e tornano in vetta solitaria in classifica a +3 sul Milan.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le Notizie del giorno

Calzona proverà a schierare Zielinski?

Ultima Partita

Prossima Partita

Classifica

Leggi anche

Menichini: “Napoli merita di più. Basta che ogni giocatore dia un 5% in più…”

Leonardo Menichini, ex vice di Mazzone sia al Cagliari che al Napoli e compagno di squadra con Ranieri al Catanzaro, è intervenuto a Radio CRC: "Il Napoli sta vivendo una stagione complicata, ed è un record cambiare tre allenatori in un anno dopo aver vinto lo scudetto. Nel calcio, spesso certe stagioni iniziano in modo imprevedibile, e la posizione attuale del Napoli non rispecchia la forza della squadra". "Il cambio di allenatore porta sempre nuovi...

Bucchi: “Calzona poteva fare poco in un allenamento, ma ha ridato equilibrio al Napoli”

Christian Bucchi, doppio ex di Cagliari e Napoli, è intervenuto ai microfoni di Radio CRC: "Il Napoli è un club che non ha la stessa tradizione vincente di Juventus e Inter, abituati a competere e vincere regolarmente. L'anno scorso è stato un episodio straordinario, difficile da replicare anche con lo stesso allenatore. Con i cambiamenti nell'allenatore, nel direttore sportivo e la partenza di Kim, creare motivazioni questa stagione è una sfida. Mi aspettavo una...