Procura Figc apre procedimento per dichiarazioni di Thiago Motta post Lecce

La Procura della Figc ha aperto un procedimento nei confronti dell’allenatore del Bologna Thiago Motta per le sue dichiarazioni rilasciate dopo il match di ieri a Lecce, pareggiato 1-1 con un rigore al 10′ di recupero in favore dei giallorossi. Il tecnico italobrasiliano si è sfogato ai microfoni con queste parole: “La partita era già finita e noi abbiamo lasciato un’altra volta la possibilità a Nasca e al Var di combinarne una delle loro. Mi sorprende Doveri, non mi sorprende, invece, Nasca al Var”.

PUBBLICITA

Sempre oggi è stata notificata la contestazione formale con avviso di conclusione indagini del procedimento aperto per dichiarazioni lesive dalla procura federale, sabato scorso, contro José Mourinho dopo le parole del tecnico giallorosso contro l’arbitro di Sassuolo-Roma, Matteo Marcenaro.

“La sensazione è che non abbia la stabilità emozionale per una gara di questo livello”, era stata l’accusa del portoghese che ora, insieme alla Roma, dovrà stabilire la strategia difensiva. Il club, infatti, a partire da oggi avrà cinque giorni di tempo per presentare delle memorie difensive o decidere di far interrogare dal procuratore federale, Giuseppe Chiné, il proprio allenatore prima di un possibile deferimento.


Le Notizie del giorno

Ultima Partita

Prossima Partita

Classifica

Leggi anche

Polemiche a Barcellona, la furia dei tifosi: “Fallo di Osimhen grande come una casa”

Continuano le polemiche in Spagna sulla partita di ieri tra il Napoli e il Barcellona, finita in parità allo stadio Maradona. I tifosi del Barcellona ritengono infatti che il gol del pareggio firmato da Osimhen al minuto 75 nel corso della ripresa sia irregolare ed avrebbe dovuto essere annullato. In particolare, la contestazione riguarda un intervento del nigeriano, attaccante del Napoli, su Inigo Martinez, difensore del Barcellona. Molti tifosi ritengono che ci sia stato un...

Dani Alves condannato a 4 anni e 6 mesi di carcere per stupro

Dani Alves è stato condannato a quattro anni e sei mesi di carcere per uno stupro commesso nella discoteca Sutton la notte del 30 dicembre 2022. Il giudice ha stabilito che i fatti sono provati e ha inflitto al calciatore brasiliano anche cinque anni di libertà vigilata, un risarcimento di 150.000 euro e l'obbligo di coprire le spese processuali. La corte ha infatti accertato nel corso del processo che "l'imputato ha afferrato improvvisamente la denunciante,...